[ALT dell' immagine: Una gran parte del mio sito è inutile se tenete escluse le immagini!]
mail: William Thayer 
[ALT dell' immagine: Link to a page in English]
English

[ALT dell' immagine: Link ad un' altra pagina di questo sito]
Aiuto
[Collegamento al livello immediatamente superiore]
A monte

[ALT dell' immagine: Link alla pagina principale del sito]
Home

[ALT dell' immagine: (link alla precedente sezione)]
indietro
Questa pagina Web riproduce una parte di
Il Foro Romano - Storia e Monumenti

da Christian Hülsen

pubblicato da Ermanno Loescher & Co
Editori di S. M. la Regina d' Italia
1905

Il testo, le piante e le immagini in bianco e nero sono nel dominio pubblico.
Le foto a colori sono © William P. Thayer.


[ALT dell' immagine: (link alla seguente sezione)]
avanti

p59 IV. I cosidetti Rostri Cesarei

Dietro la schola Xantha si vede una fila di otto archi bassi di buona opera reticolata. Dal lato settentrionale (verso l' arco di Severo) rimane tuttora l' angolo del monumento; sul lato opposto furono distrutte (almeno) due arcate, allorquando venne eretto l' arco di Tiberio. Le quattro camere dietro i rostri hanno maggiore profondità di quelle poste dietro l' arco di Tiberio: tutte poi sono lastricate in modo arcaico, con frantumi di tegole: questo lastricato si estende anche sull' area dinanzi le arcate verso il Foro. Tutta la costruzione s' innalza di appena due metri sul piano del Foro (i massi di tufo bruno che ora ne formano la parte superiore, sono moderni): essa serviva senza dubbio come muro di sostegno al Clivo Capitolino, il quale fu spostato verso oriente dopo la costruzione del tempio di Saturno (42 a. Cr., v. p. 68). Invece di erigere una forte scarpata di muratura, l' architetto ha costruito un piccolo viadotto con arcate basse. In modo assai somigliante è costruita una via romana del p60littorale dalmato presso Salona.


zzz
Fig. 21. Viadotto romano presso Salona.

Fig. 22. Moneta raffigurante i Rostri preaugustei.
Poichè il viadotto rassomiglia alquanto ai rostri preaugustei, che sono effigiati in una moneta di Lollio Palikano (45 a. Cr.), recentemente si sostenne la congettura, che le arcate sotto il Clivo Capitolino rappresentino i rostri cesarei, trasferiti dal dittatore sul lato occidentale del Foro. Ma a questa congettura si oppongono le dimensioni del monumento che è troppo angusto e troppo basso per aver servito da tribuna per gli oratori; ed è impossibile immaginarsi la sua fronte decorata con rostri navali, i quali invece chiaramente appariscono sulla moneta.

Vedi: Notizie d. scavi 1899, 627‑634; Huelsen, R. M. 1902, 15; Vaglieri 154. — Moneta di Palikano: Cohen-Babelon, Monnaies de la république, Lollia n. 2.

Pagina aggiornata: 13 Gen 02