[ALT dell' immagine: Una gran parte del mio sito è inutile se tenete escluse le immagini!]
mail: William Thayer [Link to an English help page]
English

[ALT dell' immagine: Link ad un' altra pagina di questo sito]
Aiuto
[Collegamento al livello immediatamente superiore]
A monte

[ALT dell' immagine: Link alla pagina principale del sito]
Home

[ALT dell' immagine: (link alla precedente sezione)]
indietro
Questa pagina Web riproduce una parte di
Il Foro Romano - Storia e Monumenti

da Christian Hülsen

pubblicato da Ermanno Loescher & Co
Editori di S. M. la Regina d' Italia
1905

Il testo, le piante e le immagini in bianco e nero sono nel dominio pubblico.
Le foto a colori sono © William P. Thayer.


[ALT dell' immagine: (link alla seguente sezione)]
avanti

p199 XL. Clivus Sacer

Dinanzi il tempio di Romolo, la strada comincia a salire: a destra si trovano numerosi avanzi laterizi di case private (del secolo secondo o terzo d. Cr.), tagliati da due grosse e lunghe fondamenta di opera a sacco. Queste fondamenta forse appartengono ad un rettificamento del terreno fatto dopo la costruzione della basilica di Costantino. La loggia ad archi costruita di mattoni, a sinistra sotto la basilica, è medievale, e forse avanzo di una nobile casa privata.


[ALT dell' immagine: zzz]
Fig. 106. Frammenti del tempio di Bacco sulla Sacra Via.

Dirimpetto, a destra giacciono molti frammenti architettonici appartenuti ad un elegante tempietto rotondo (diam. m. 3,80); fra essi si distinguono: un pezzo di architrave con un frammento di epigrafe posta da uno degli Antonini, e accanto all' epigrafe una Menade in rilievo. Un tempietto rotondo di Bacco è effigiato sui rovesci dei medaglioni di Antonino Pio (v. fig. 107); Marziale attesta che una cappella del dio esisteva sull' altura della Sacra Via, presso il punto ove da essa divergeva p200la strada conducente ai palazzi imperiali. È probabilmente quindi che questi frammenti provengano dal tempietto restaurato da Antonino Pio, alla quale faceva riscontro un altro pure di forma rotonda (tholus) della Magna Mater.

Vedi: Martial. IX, 75, 4. — Huelsen, R. M. 1902, 95 sg.; Vaglieri 19‑29.


[ALT dell' immagine: zzz]
Fig. 107. Moneta di Antonino Pio.

Il selciato del Clivus sacer fu messo in luco soltanto negli scavi recenti; fino al 1901 vi era, a un livello più alto circa due metri, un lastricato di grandi poligoni di basalto mal connessi fatto in epoca tarda. Il lastricato inferiore s' interseca con alcuni avanzi di mattoni e di p201tufo, che forse appartenevano ai grandi magazzini per le merci orientali (Horrea piperataria) situati in questo lato della Sacra Via, e che dovettero cedere il posto alla basilica di Costantino. Una scaletta moderna dà accesso all' angolo SE. di questo grandioso edifizio.

Vedi: Cassius Dio LXXII, 24; Chronogr. a. 354 p146 Mommsen.

Lanciani, Bull. comun. 1900, 8‑13; Huelsen, R. M. 1902, 95.


[ALT dell' immagine: HTML 4.01 valido.]

Pagina aggiornata: 2 Mag 01