[ALT dell' immagine: Una gran parte del mio sito è inutile se tenete escluse le immagini!]
e‑mail: William Thayer 
[ALT dell' immagine: Click here for a help page in English.]
English

[ALT dell' immagine: Link ad un' altra pagina di questo sito]
Aiuto
[Collegamento al livello immediatamente superiore]
A monte
[Link to my homepage]
Home

Questa pagina riproduce una parte di
Notizie Storiche e Laudi

della Compagnia di Disciplinati
di S. Maria Nuova e S. Croce
nella Terra di Fratta (Umbertide)

stampato ad Umbertide, 1899
ripubblicato dalla Pro-loco di Umbertide, 1998

Il testo è nel dominio pubblico.

Questa pagina è stata attentamente riletta
e la credo senza errori.
Ciò nonostante, se vi trovate un errore, vi prego di farmelo sapere!

p50 
[ALT dell' immagine: Una piccola croce di Malta]
	[ALT dell' immagine: uno spazio vuoto] IHS [ALT dell' immagine: uno spazio vuoto] 
[ALT dell' immagine: Una piccola croce di Malta]

1496

La passione de christo
piangiamo cum dolore
per noi fo crucifixo
Yeshu nostro signore

Piangete amaramente
Et non ve perdonate
la vergine dolente
per dio la compagnate
si voi considerate
dolor che la sentiva
Quando jl figluol vedea
Morir fra doi latronj

Tempo e da resiughiare
e piangere cum dolore
L annima contemplare
La santa paxione
Che troppo ce sen duri
che noi non ne sentimo
Dapoi che noi credemo
Yeshu morir per noi

Che dio morir per noi
La storia recontare
Con tucto quanto jl core
Devariame pensare
che non ce puoi bastare
Ne lengua ne scriptura
la morte che fo dura
Del nostro salvatore

p51 Venne jl giovedì a sera
presso a la paxione
Yeshu fece la cena
Cum li discipol suoie
Tucti comunicoe
E puoi le lalvò i piei
Yeshu volse servire
A giuda traditore

Yeshu il volse confortare
cum dolce parlamento
che li devea lasciare
in gran dubitamento
che sapressava jl tempo
Yeshu dovea morire
devemo aremanire
En gran tribulatione

Yeshu a monte oliveto
Andò ad oratione
Menò giovanni et pietro
E jacobo magiure
Yeshu se spaventone
Che avea verace carne
Sudò gocce de sangue
Si fortemente orava

Li apostoli dormiano
E christo pur veghiava
Ma poco se sentivano
De la pena che portava
Lo patre suo chiamava
Ma già nol saudiva
In ante pur volea
che morisse per noi

p52 E giuda traditore
veniva cum gran gente
per tradir il signore
Veniva prontamente
che disse il fraudolente
Maestro dio ti salvi
Allora se fe avanti
E in bocca lo bascione

Veniva quilla gente
cum molti gran lumi
E pietro incontinente
un coltel trasse fuore
La orecchia ad un taglone
E Christo li dicia
Coltele torna in guaina
che piace al su signore

Quando Christo fo preso
Non fece alcun fiato
A lui le man derieto
strette fuoro legate
Yeshu si fo menato
A guisa de ladrone
che l aveano abandonato
tucti li amici suoie

E pietro si l negone
Giovanni sen fugiva
per noi l' abandonone
Lo patro suo del cielo
Christo figliol de dio
che fo lassato solor
Ne se trovo veruno
che volesse star cum lui

p53 E pietro doloroso
cercando Christo gia
Ando a scaldarse al fuoco
A casa d anna pria
Una ancilla li dicia
Tu sei de la su gente
Respose incontente
Nol cognovi mai piune

Cum multa gran paura
se mise ad ecusarne
fierlo giurare alora
cum bocca et cum le mani
Dicove in veritade
Non saccio chi se sia
Mai a la vita mia
Non l cognovi mai piu

Venne la prima sera
E lo gallo cantone
E fra se dicia
perche s acordone
Negato ho l mi signore
Tre volte che l dicia
Non so ove io me sia
Si io non artrovo lui

Yeshu fo presentato
che fosse traditore
Yeshu si fo accusato
Cum falsi testimoni
faccialli gran romore
dicendo spolglia spolglia
Legallo ala colonna
stretto cum le fune

p54 cum tanto dur flagello
feciarlo flagellare
tanto era morbedello
tucto il feciar tremare
Senza nulla pietade
Davalli a la recisa
La carne tutta alisa
Pina de lividore

Tutto quella sera
Li dier le battiture
L coperson in anta gl ochi
Che non vedesse lume
E per più desonore
Nel viso li sputaro
La barba li pelaro
per darli più dolore

Tirravan li capeli
Davanli le guanciate
E quelli eran li sicari
ch eran si scelerati
Danvanliº le barbate
Et cum man recisa
Dician profetizza
chi te feci de noi

Yeshu fo incoronato
De li crudele spine
Lo capo insanguinato
Corialli sino ai piei
Ridevan li giudei
Lo capo percoteano
Cum le canne il feriano
facendose beffe de lui

p55 La virgine maria
havea si gran tremore
che tucta quella sera
sentì si gran rumore
alora adimandone
e disse ad una ancilla
Sai me tu dir novella
Del mi figluolo Yeshune

Lo tu figluolo e preso
madonna in veritade
E tanto l e ferito
Che tucto e pien de piaghe
Lo tu figluol domane
Sera sententiato
Tu l vederai impicato
En forca de ladrone

Madonna non posava
E non trovava luoco
Li apostoli dimandava
Se l avessero veduto
Se l e vivo o morto
Dicetelo in veritade
Nol posso più portare
che me se parte il core

Parlo giovanni et pietro
E disseraro a la madre
Lo tuo figliolo e preso
Sapenlo ma n citade
Non ce possemo intrare
che son chiuse le porte
doman li dan la morte
Senza alcuna ragion

p56 Madonna questo udie
Sentì si gran dolore
Lo cor lo vene meno
giu in terra transgoscione
Dicia figliuolo amore
Non festi ma peccato
che stai imprigionato
Non eri tu ladrone

Venne poi la domane
trassarlo de prigione
mandarlo a giudicare
che fosse malfatore
facean si gran romore
Dician sii crucifixo
Dician sii crucifixo
Lassato sia il ladrone

Lassato sia il ladrone
lassato sij barabano
E questo peccatore
Tucti li condanniamo
fin a monte Calvario
fierli portar la croce
Gridando ad alta voce
Sii morto cum dolore

Quando fo giudicato
Facea grande esitenza
la bocca de pilato
Si de quilla sententia
Venne l ora de terza
mandarlo ad impicare
De fuor de la citade
dove li malfattori

p57 Fierli portare la croce
Era si grave peso
non se podia mutare
tanto era indebelito
La madre li gia de rieto
che lo volea aiutare
Non li se posea apresare
tanto era gran romore

Facea si gran romore
de rietro li gian gridando
faceanse beffe de lui
il loto gli gian buglando
Givanlo spatassando
presto il volean menare
Yeshu volean guastare
E doi ladro cum lui

La madre sua taipina
pur lo voleva vedere
pararse entro la via
ove ch l dovea gire
Nol podde sostenere
Christo quando la vede
Si gran cordolglo gli venne
che in terra strangoscione

Quando madonna il vedde
In terra strangosciato
Sentì si grande dolgla
che se partia el fiato
figluol mio fosti nato
A darme tanta pena
Or che farò tarpina
Si non te vederone

p58 Tu porti si gran peso
Dolce figluol piacente
per che te vien de rieto
figluol cotanta gente
O matre mia dolente
Non me ne domandare
Menanme ad impicare
Cum quisti doi ladronj

Figluol non posso portare
So crucifixa teco
Et dove tu girai
Si te verrò de rieto
Quando sarai apeso
Nol podaro vedere
figluol famme morire
ch io non voio vivar piune

Poi che fo gionto al luoco
ove devea dressare
Spoglarlo nudo nudo
Senza nulla pietade
or che facea la madre
quando il vedea nudo
Dicia che fo figluolo
Non posso vivar piune

Yeshu si fo spogliato
De tucti i vestimenti
Steva svergognato
In fra cotanta gente
Erano scognoscenti
cum villania tamanta
che pur li panni de gamba
Se lassano ai ladroni

p59 Li vestimenti de sotta
Tucti eran pin de sangue
havean fatti la croccia
Tucti eran pin de sangue
Quello era il dolor grande
quando lo spoliaro
Le piaghe renovaro
che li dier le battiture

Tolsar li vestimenti
E misarce le sorte
Christo si diceano
compiantese le volte (?)
Tu sei degno de morte
Ladro che vai guardando
de noi te vai vantando
dici ch' eri signore

Yeshu si fo spoglato
e posto su nel legno
e stretto chiavellato
Cum tre chiavelli de ferro
Era si gran freddo
Quando elli il chiavellava
Lo sangue se ghiacciava
che descurria di fuore

Le man li chiavellaro
Lassarlo spendolato
Li piei li sopronaro
fo messo il terzo chiuovo
Era si smisurato
Era si grande aguto
E tanto fo battuto
Non se vedea de fuore

p60 E tanto lo stiraro
Le nerbora stendea
Li ossa li schiopparo
La carne si rompea
Lo sangue fuore escia
Cadea giu per la terra
o vergine polzella
tanto era il tu dolore

. . . . . . . . .
. . . . . . . . .
. . . . . . . . .


[ALT dell' immagine: HTML 4.01 valido.]

Pagina aggiornata: 11 Apr 08