[ALT dell' immagine: Una gran parte del mio sito è inutile se tenete escluse le immagini!]
e‑mail: William Thayer 
[ALT dell' immagine: Link to a page in English]
English

[ALT dell' immagine: Link ad un' altra pagina di questo sito]
Aiuto
[Collegamento al livello immediatamente superiore]
A monte

[ALT dell' immagine: Link alla pagina principale del sito]
Home
Per l' articolo generale dello Smith sulle scarpe romane, si veda CALCEUS.

p1007 Sandalium

Articolo di Leonhard Schmitz, Ph.D., F.R.S.E., Rector of the High School of Edinburgh
alla p1007 di

William Smith, D.C.L., LL.D.:
A Dictionary of Greek and Roman Antiquities, John Murray, Londra, 1875.

SANDA′LIUM (σανδάλιονσάνδαλον), tipo di scarpa indossata solo dalle donne. Nell' età omerica tuttavia non erano riservate solo ad un sesso e consistevano in una suola di legno collegata al piede con dei lacci (Hom., Hymn. in Merc. 79, 83, 139). Negli ultimi tempi il sandalium deve essere distinto dal ὑπόδημα, che era una semplice suola attaccata sotto il piede (Poll., VIII.84, con l' emendazione del Kühn), mentre il sandalium, chiamato anche βλαύτιαβλαύτη, era una suola con un pezzo di cuoio che copriva le dita dei piedi così che costituiva la transizione dal ὑπόδημα alle scarpe vere. Il pezzo di cuoio sotto le punte dei piedi era chiamato ζυγὸςζυγόν (Aristoph., Lysistr., 390, con Schol.; Hesych. s.v. Ζυγός; Poll., VII.81; Phot., Lex., p54, ed. Dobr.). I σανδάλια ἄζυγα in Strabone (VI, p259) sono tuttavia non sandalia senza lo ζυγόν, ma, come Becker (Charikles, II, p367, &c.) giustamente fa notare, erano sandalia che non appartenevano l' uno all' altro, o non formavano un paio, poiché uno era più largo e più alto dell' altro. Lo ζυγόν era frequentemente adornato con preziosi ricami e oro (Cephisodor., ap. Poll., VII.87; Clem. Alex., Paedag., II.11), e sembra essere stato uno degli articoli più sontuosi dell' abbigliamento femminile (Aelian., V.H., I, 18). La piccola copertura delle dita dei piedi tuttavia non era sufficiente ad allacciare il sandalium al piede, perciò erano attaccati dei lacci anch' essi finemente ornati (Poll., VII.92). I sandalia, come abbiamo detto, venivano indossati in Grecia, e perciò anche a Roma, solo dalle donne, ma ci sono indizi che venissero indossati anche dagli uomini in Oriente (Herod., II.91; S. Marco, VI.9).

Le donne romane, per le quali l' ornamento del piede era stato introdotto dai Greci, indossavano sandalia che sembravano non meno belli o meno costosi di quelli indossati dai Greci e dai popoli orientali (Tarp., ap. Non., V.24; Ter., Eunuch.V.7.4).


[image ALT: A photo of a pair of rather ratty-looking leather flip-flops. They are Egyptian and date to the 4c AD.]

Sandali egizi di cuoio
da Qustul, Cimitero Q, tomba 49; datati a 370‑410 d.Cr.;
attualmente (2006) nell' Oriental Institute of Chicago.

La mia fotografia con il gentile permesso dell' Oriental Institute.


[ALT dell' immagine: HTML 4.01 valido.]

Pagina aggiornata: 2 Dic 09